Crea sito
Get Adobe Flash player
Lascia un saluto… no spam!
Il mio banner

Copia il codice qui sotto per prelevare
il mio banner versione Miu fantasy,
sarei contenta se mi lasciassi
un messaggio per dirmi che l'hai prelevato.

Misure 250x100px





Copia il codice qui sotto per prelevare
il mio banner versione Love fantasy,
sarei contenta se mi lasciassi
un messaggio per dirmi che l'hai prelevato.

Misure 250x100px




Copia il codice qui sotto per prelevare
il mio banner versione Sirena,
sarei contenta se mi lasciassi
un messaggio per dirmi che l'hai prelevato.

Misure 250x100px




Copia il codice qui sotto per prelevare
il mio banner versione Alice,
sarei contenta se mi lasciassi
un messaggio per dirmi che l'hai prelevato.

Misure 250x100px




Copia il codice qui sotto per prelevare
il mio banner versione Love,
sarei contenta se mi lasciassi
un messaggio per dirmi che l'hai prelevato.

Misure 250x100px




Copia il codice qui sotto per prelevare
il mio banner natalizio,
sarei contenta se mi lasciassi
un messaggio per dirmi che l'hai prelevato.

Misure 250x100px

Almanacco
----------------------------------------------------
Tutti i gadgets presenti in questo blog e molti altri,
li trovate Qui oppure in tema delle feste Qui !!
Visitate entrambi i siti ci sono tantissimi gadgets
PRELEVABILI , FUNZIONANTI E FREE!!
----------------------------------------------------

Natale

Auguri di buon Natale dalle ragazze e dall’autrice del video, di magico mondo grafico

Immagine4Buonasera!!!

Tra poco sarà Natale… e siete pronti per le riunioni familiari e a degustare i manicaretti delle vostre feste?

Sono solita frequentare alcuni siti di grafica dove ho conosciuto tante belle persone e quest’anno ho avuto tantissimi regali da tutte le ragazze.

In particolare mi è piaciuta tantissimo l’iniziati del regalo in abbinamento a sorte fatto dalle ragazze di Magico Mondo Grafico (http://magicomondografico.forumattivo.it) che mi ha potuto permettere di poterle conoscere meglio.

Faccio a loro un augurio caloroso di felicità e di serenità, oltre che di calore familiare ed affetti.

E mi son permessa di aggiungere qui , il video realizzato di mom che racchiude molte (ma non tutte ahime) le splendide cartoline regalo.

Grazie a tutte voi e un abbraccio con affetto di Buon Natale!

Altri interessanti Articoli:

Sogno di Natale

Immagine10Sentivo da un pezzo sul capo inchinato tra le braccia come l’impressione d’una mano lieve, in atto tra di carezza e di protezione. Ma l’anima mia era lontana, errante pei luoghi veduti fin dalla fanciullezza, dei quali mi spirava ancor dentro il sentimento, non tanto però che bastasse al bisogno che provavo di rivivere, fors’anche per un minuto, la vita come immaginavo si dovesse in quel punto svolgere in essi.
Era festa dovunque: in ogni chiesa, in ogni casa: intorno al ceppo, lassù; innanzi a un Presepe, laggiù; noti volti tra ignoti riuniti in lieta cena; eran canti sacri, suoni di zampogne, gridi di fanciulli esultanti, contese di giocatori… E le vie delle città grandi e piccole, dei villaggi, dei borghi alpestri o marini, eran deserte nella rigida notte. E mi pareva di andar frettoloso per quelle vie, da questa casa a quella, per godere della raccolta festa degli altri; mi trattenevo un poco in ognuna, poi auguravo:
– Buon Natale – e sparivo…
Ero già entrato così, inavvertitamente, nel sonno e sognavo. E nel sogno, per quelle vie deserte, mi parve a un tratto d’incontrar Gesù errante in quella stessa notte, in cui il mondo per uso festeggia ancora il suo natale. Egli andava quasi furtivo, pallido, raccolto in sé, con una mano chiusa sul mento e gli occhi profondi e chiari intenti nel vuoto: pareva pieno d’un cordoglio intenso, in preda a una tristezza infinita.
Mi misi per la stessa via; ma a poco a poco l’immagine di lui m’attrasse così, da assorbirmi in sé; e allora mi parve di far con lui una persona sola. A un certo punto però ebbi sgomento della leggerezza con cui erravo per quelle vie, quasi sorvolando, e istintivamente m’arrestai. Subito allora Gesù si sdoppiò da me, e proseguì da solo anche più leggero di prima, quasi una piuma spinta da un soffio; ed io, rimasto per terra come una macchia nera, divenni la sua ombra e lo seguii.
Sparirono a un tratto le vie della città: Gesù, come un fantasma bianco splendente d’una luce interiore, sorvolava su un’alta siepe di rovi, che s’allungava dritta infinitamente, in mezzo a una nera, sterminata pianura. E dietro, su la siepe, egli si portava agevolmente me disteso per lungo quant’egli era alto, via via tra le spine che mi trapungevano tutto, pur senza darmi uno strappo.
Dall’irta siepe saltai alla fine per poco su la morbida sabbia d’una stretta spiaggia: innanzi era il mare; e, su le nere acque palpitanti, una via luminosa, che correva restringendosi fino a un punto nell’immenso arco dell’orizzonte. Si mise Gesù per quella via tracciata dal riflesso lunare, e io dietro a lui, come un barchetto nero tra i guizzi di luce su le acque gelide.
A un tratto, la luce interiore di Gesù si spense: traversavamo di nuovo le vie deserte d’una grande città. Egli adesso a quando a quando sostava a origliare alle porte delle case più umili, ove il Natale, non per sincera divozione, ma per manco di denari non dava pretesto a gozzoviglie.
– Non dormono… – mormorava Gesù, e sorprendendo alcune rauche parole d’odio e d’invidia pronunziate nell’interno, si stringeva in sé come per acuto spasimo, e mentre l’impronta delle unghie restavagli sul dorso delle pure mani intrecciate, gemeva: – Anche per costoro io son morto…
Andammo così, fermandoci di tanto in tanto, per un lungo tratto, finché Gesù innanzi a una chiesa, rivolto a me, ch’ero la sua ombra per terra, non mi disse:
– Alzati, e accoglimi in te. Voglio entrare in questa chiesa e vedere.
Era una chiesa magnifica, un’immensa basilica a tre navate, ricca di splendidi marmi e d’oro alla volta, piena d’una turba di fedeli intenti alla funzione, che si rappresentava su l’altar maggiore pomposamente parato, con gli officianti tra una nuvola d’incenso. Al caldo lume dei cento candelieri d’argento splendevano a ogni gesto le brusche d’oro delle pianete tra la spuma dei preziosi merletti del mensale.
– E per costoro – disse Gesù entro di me – sarei contento, se per la prima volta io nascessi veramente questa notte.
Uscimmo dalla chiesa, e Gesù, ritornato innanzi a me come prima posandomi una mano sul petto riprese:
– Cerco un’anima, in cui rivivere. Tu vedi ch’ìo son morto per questo mondo, che pure ha il coraggio di festeggiare ancora la notte della mia nascita. Non sarebbe forse troppo angusta per me l’anima tua, se non fosse ingombra di tante cose, che dovresti buttar via. Otterresti da me cento volte quel che perderai, seguendomi e abbandonando quel che falsamente stimi necessario a te e ai tuoi: questa città, i tuoi sogni, i comodi con cui invano cerchi allettare il tuo stolto soffrire per il mondo… Cerco un’anima, in cui rivivere: potrebbe esser la tua come quella d’ogn’altro di buona volontà.
– La città, Gesù? – io risposi sgomento. – E la casa e i miei cari e i miei sogni?
– Otterresti da me cento volte quel che perderai – ripeté Egli levando la mano dal mio petto e guardandomi fisso con quegli occhi profondi e chiari.
– Ah! io non posso, Gesù… – feci, dopo un momento di perplessità, vergognoso e avvilito, lasciandomi cader le braccia sulla persona.
Come se la mano, di cui sentivo in principio del sogno l’impressione sul mio capo inchinato, m’avesse dato una forte spinta contro il duro legno del tavolino, mi destai in quella di balzo, stropicciandomi la fronte indolenzita. E qui, è qui, Gesù, il mio tormento! Qui, senza requie e senza posa, debbo da mane a sera rompermi la testa.
Luigi Pirandello

Altri interessanti Articoli:

La stella di Natale

sdew3A Città del Messico, viveva una povera bambina indiana di nome Ines.La sera della vigilia di Natale voleva portare un fiore a Gesù Bambino ma non aveva i soldi per acquistarlo. Girò per strada senza sapere cosa fare, poi decise di raccogliere dei rametti da un cespuglio visto per caso tra i ruderi di una chiesa. Dopo averli raccolti pensò di abbellire il mazzetto con l’unica cosa bella che possedeva: un fiocco rosso per capelli. Arrivò alla chiesa che ormai era buio e Ines pensò di non trovarci nessuno. Una volta davanti a Gesù Bambino, depose il suo mazzolino. Subito dopo averlo messo vicino alla statua, sentì dietro di sé delle voci: erano delle persone stupite ed incuriosite dal bellissimo fiore di Ines; così le chiesero dove avesse trovato un fiore così splendido.Ines si voltò verso il suo mazzolino e, incredula, vide che le foglie verdi del cespuglio si erano colorate di rosso e le bacche color oro al centro avevano preso la forma di un cuore.Ines tornò a casa felice pensando che a Gesù fosse piaciuto il suo dono perché lo aveva trasformato nel fiore più bello del Messico: la Stella di Natale.

Tratto dal web

Altri interessanti Articoli:

Il Flauto Magico

azzurro merlettoLa notte in cui nacque Gesù, gli angeli scesero dal cielo, e cantarono, danzando girotondi a grappoli intorno alla grotta di Betlemme. La melodia del canto era la più pura e toccante che mai si fosse sentita sulla terra, ma non molti la notarono. Gli abitanti dei dintorni percepirono solo un leggero brusio, si voltarono dall’altra parte e continuarono a dormire. Bisogna avere un cuore speciale per sentire il canto degli angeli. Ma in fondo ad un canalone, sulle rive di uno stagno, una giovane canna l’ascoltò. Cominciò a vibrare al ritmo della melodia, ondeggiando flessuosa con tutte le sue fibre. “Piantala!” brontolò una vecchia canna, “Mi fai venire il mal di testa!”. “Lasciaci dormire”, fecero eco le altre canne. Anche fra le canne, non tutte riescono a sentire le musiche degli angeli. Ma la giovane canna continuò ad assorbire quell’armonia dolcissima che scendeva dal cielo e ripeteva, danzando leggera nell’aria:”Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama”. Passò del tempo. La giovane canna divenne robusta e nodosa, ma ogni volta che il vento soffiava, vibrava ripetendo la lontana melodia degli angeli. Un giorno un giovane pastore portò le sue pecore ad abbeverarsi allo stagno. Mentre le pecore si accalcavano per raggiungere l’acqua, il pastore si guardava intorno. Il suo sguardo fu attirato dalla canna. Da tempo voleva fabbricarsi un nuovo flauto, perché quello vecchio era scheggiato e il canto non era più sonoro e nitido. Impugnò il coltello e tagliò la canna, la studiò un momento e cominciò ad intagliarla.

Quando lo appoggiò alle labbra e cominciò a soffiare, il suono che uscì dal flauto sorprese il pastore. Era un suono limpido e leggero, sembrava andare diritto al cuore di chi l’ascoltava. Quella sera accanto al fuoco, il pastore trasse il flauto dalla bisaccia e cominciò a suonare. Di colpo tutti tacquero e sembrò per un attimo che anche il fuoco cessasse di crepitare, per ascoltare quel suono, quella purissima melodia. Anche il pastore era sbalordito, gli pareva, a tratti, di non essere lui a suonare. Era come se il flauto andasse per conto suo e che quella melodia angelica fosse dentro le sue fibre di legno. Un vecchio pastore chiuse gli occhi e mormorò:”Mi pare di averla già sentita, una notte, tanto tempo fa, dalle parti di Betlemme…”.Ma il flauto serbava un segreto ancora più sorprendente. Un giorno tra due gruppi di pastori scoppiò una lite furibonda per ragioni di precedenza in alcuni pascoli. Volarono le prime bastonate e qualche mano corse al coltello. Colpito da una improvvisa ispirazione il giovane pastore portò alle labbra il flauto e cominciò a suonare. Il suono era apparentemente debole, ma i litiganti si fermarono, le mani strette a pugno si aprirono e ai pastori venne una gran voglia di fare la pace e darsi una mano perché la vita è già abbastanza difficile.

Da quel giorno, ogni volta che scoppiava un litigio, i presenti chiamavano il pastore e gli dicevano:” Suona il flauto” e al suono del flauto le tensioni si placavano, le voci irose si addolcivano e le collere si spegnevano. I cuori di ghiaccio si scioglievano e i sorrisi rifiorivano. Ma quale fu il destino dello splendido strumento che racchiudeva il canto degli angeli? Quando si sentì vecchio, il pastore affidò il flauto al figlio. Questi divenne celebre con il nome di “pacificatore”.Quando pacificatore morì, il flauto passò al figlio, che a sua volta lo lasciò al figlio e così via per secoli, finché un crociato lo comprò come ricordo di Terrasanta e lo portò in Europa. Ma nessuno si ricordava più dello straordinario potere del flauto. Passò di baule in baule, di eredità in eredità, finché… “Nonno, di chi è questo vecchio flauto?”domandò Albi, nove anni mentre rovistava negli scatoloni della soffitta.”L’aveva comprato il bisnonno ad un asta di cimeli, probabilmente è molto antico”, rispose il nonno.”Lo posso tenere?”. “Certo”.”Magari è magico…”, concluse Albi e cominciò a lucidarlo con il fazzoletto. Lo portò alle labbra, il suono era dolce e limpido. Il mattino dopo, Albi portò il suo nuovo flauto a scuola. Non faceva bella figura, era nero e opaco. La maestra era in ritardo e la classe in subbuglio. Riccardo e Mario si erano messi a litigare furiosamente e si stavano picchiando, rovesciando libri e banchi. Albi si rifugiò in un angolo e provò il flauto. Un’armonia soave e leggera avvolse i bambini. Riccardo e Mario si fermarono come per incanto. “Scusami”, disse Riccardo, “Facciamo la pace”, rispose Mario. Tutti guardarono Albi, “Come suoni bene!”, esclamò Mirella, “Io veramente ci ho solo soffiato dentro…” mormorò Albi, arrossendo. “Lo sapevo che era magico”, pensò, felice della scoperta. Ma più felice era il cuore della giovane canna che aveva conservato per secoli il canto degli angeli, senza perderne neppure una nota.

tratto dal web.

Altri interessanti Articoli:

Il piccolo Albero di Natale

azzurro merlettoEsattamente fra 24 giorni sarà Natale!!!

Mi piacerebbe accompagnare il countdown oltre che con le immagini presenti su facebook  (le avete viste? avete cliccato il MI PIACI alla pagina? Ancora no? Casa aspettate!!!)nella nostra pagina con storie e racconti di Natale!!

Vorrei cominciare questo calendario dell’avvento con una storia molto bella, ovvero con la favola dell’ Albero di Natale!

Buona lettura…

 

 

Il piccolo Albero di Natale di Giulio Gavino
C’era una volta un piccolo albero di Natale che, quando parlava con mamma albero di Natale e papà albero di Natale, non vedeva l’ora di poter mettersi addosso le palline colorate, i festoni argentati e le lampadine. Sognava ogni notte il suo momento, entrare nel salotto buono, gustarsi i sorrisi gli auguri in famiglia, lasciarsi sfuggire una lacrima di resina dalla contentezza.

E venne finalmente il giorno del piccolo albero di Natale. Venne scelto quasi per caso tra tanti amici alberi di Natale anche loro. Pensava: “Adesso è venuto il mio momento, adesso sono diventato grande”. Il viaggio fu lungo, incappucciato di stoffa bagnata per non perdere il verde luminoso dei rami ancora giovani. Tornata la luce, il piccolo albero di Natale si trovò nella casa di una famiglia povera. Niente palline, niente festoni, solo il suo verde scintillante faceva la felicità dei bambini che lo stavano a guardare con gli occhi all’insù, affascinati. Era il loro primo albero di Natale. Subito fu deluso, sperava di poter dominare una sala ricca di regali e di addobbi eleganti.

Ma passarono i giorni e si abituò a quella casa povera ma ricca di amore. Nessuno aveva l’ardire di toccarlo. Venne la sera di natale e furono pochi i regali ai suoi piedi ma tanti i sorrisi di gioia deibambini che per giorni erano rimasti a guardarli sotto il suo sguardo severo per cercare di indovinare che cosa ci fosse dentro. Venne il pranzo di Natale, niente di speciale. Venne Capodanno, con un brindisi discreto, ma auguri sinceri. E venne anche l’Epifania e il momento di andare via. Questa volta non lo incappucciarono. Lo tolsero dal vaso, gli bagnarono le radici e tutta la famiglia lo accompagnò verso il bosco. Era felice di ritornare con mamma albero di Natale e papà albero di Natale. Passando per la strada vide tanti suoi amici, ancora con le palline colorate e i fili d’oro e d’argento, che lo salutavano. Ma c’era qualcosa di strano, erano tutti nei cassonetti della spazzatura, ricchi e sventurati, piangevano anche loro resina, ma non per la contentezza. Chissà dove sarebbero finiti!

Ora il piccolo albero di Natale è diventato un abete grande e possente, ha visto tanti figli andare in vacanza per le feste. Qualcuno è ritornato, sano o con un ramo spezzato. Lui guarda da lontano la città dove i bambini del suo Natale lo hanno amato e rispettato. Perché è un albero di Natale, albero di Natale tutto l’anno, perché Natale non vuol dire essere buoni e bravi solo il 25 dicembre, perché Natale può essere ogni giorno. Basta volerlo come quel piccolo albero di Natale che ci tiene compagnia sulla montagna, anche se lontano, anche se non lo vediamo.

E c’era una volta e c’è ancora oggi, un albero di Natale. Sempre diverso e sempre uguale, quasi un caro amico di famiglia che si presenta ogni anno per le vacanze, le sue vacanze, da Santa Lucia all’Epifania. Grande, piccolo, verde o dorato, testimone di ogni Natale, un amico con il quale aspettare l’apertura dei regali e l’occasione buona per scambiarsi gli auguri, per fare la pace, per dirsi anche una parola d’amore. E tutti vogliamo bene all’albero di Natale, ogni anno disposti ad arricchire il suo abbigliamento con nuove palline colorate, un puntale illuminato e addobbi d’oro e d’argento. È cresciuto con noi, cambiato ogni anno, sempre più bello agli occhi di chi guarda, occhi di bambino, ma anche occhi di adulto che vuole tornare bambino. Per quei giorni di festa è lui a fare la guardia al focolare, a salutare quando si rientra a casa, a tenere compagnia a chi è solo. Una presenza che conforta, non solo nell’anima. È meglio se l’albero è di quelli con le radici, pronto a dismettere l’albero della festa e a compiere il suo dovere in mezzo ai boschi, a diventare grande, libero e felice.

Altri interessanti Articoli:

Auguri a tutta l’Italia da Nord a Sud e…

1508642_735101506511754_9032151041299618768_nBenvenuti nella mia nuova versione grafica del mio blog , una versione “Black & White” , in cui l’unica nota di colore saranno le immagine delle news e degli articoli che si avvicenderanno sul mio blog. Ho pensato di dargli più note colorate alle pagine, ovvero non saranno i colori solo delle immagini che accompagneranno i miei scritti, ma i colori intesi come argomenti, non solo news grafiche!!Altrimenti diventa tedioso questo angolino!!! Ho pensato di riportare anche alcune piccole frasi che quotidianamente annoto sulla mia pagina facebook! Non la conoscete? Cosa aspetta, cliccate il “MI PIACI” ne rimarrete  ENTUSIASTI!

Avete notato la splendida immagine qui di lato? E’ frutto di una mia rielaborazione grafica postata e realizzata il 29 Aprile e resa pubblica quel giorno alle ore 23:50 , così come attesta lo stesso facebook quando l’ho postata! Mi da un senso di relax e di primavera! Le cornici cambieranno di colore (almeno in questa tipologia di immagine, perchè ce ne sono tante che ho creato e non solo per me, ma anche per amici!!) e così come le immagini (illustratori, dipinti e anime/manga) , resta chiaro e sottinteso che quest’ultime restano di proprietà dell’autore , io non mi avvalgo di nessuna paternità intellettuale, solo ed esclusivamente della rielaborazione grafica!

Detto ciò, passiamo ad altro , oggi è la festa della Repubblica , oggi nasceva la nostra nazione come repubblica!! Spesso negli anni passati mi sono recata a Roma a vedere la parata, che devo essere sincera è molto bella, quest’anno son rimasta a casa per via del mio lavoro (io non conosco festività!! Vi domanderete cosa io faccia, ahahahah pensateci e vediamo se indovinate ), ma oggi pomeriggio sono stata libera di potermi rilassare a casa.

Ora mi dedico ad altro, ho tanti hobbies sapete!! Non solo la grafica!!!

Vi lascio con un abbraccio e con il primo articolo della nostra costituzione, magari se passa uno “di dovere” se lo legge e se “lo ricorda” (e sono stata buona, potevo dire impara!).

Felice festa dell’Italia e speriamo di sollevarci dalla crisi …

Cit. 1 Articolo Costizione Italiana:

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

 firma

 

 

Altri interessanti Articoli:

Arcane Meraviglie
gif1 Arcane Meraviglie!
WebMaster MTgraphic - Fantasylandgraphic, che ha l'hobby della grafica, dell'Html e della fotomanipolazione!Una piccola oasi grafica e fantasy!
Amazon Prime

I clienti iscritti ad Amazon Prime possono beneficiare di:
• Consegne in 1 giorno lavorativo SENZA COSTI AGGIUNTIVI
• Migliaia di e-book gratuiti in italiano scaricabili (a prescindere).
• Prime Foto: spazio di archiviazione illimitato per le tue foto
• Accesso anticipato alle Offerte lampo su Amazon.it e accesso alle Offerte in Anteprima di Amazon BuyVIP dalle 22:00 del giorno precedente al loro inizio
• Amazon Prime è gratuito per 30 giorni, e puoi disdire quando vuoi in modo facilissimo. Superati i 30 giorni costa solo 19,99 euro l'ANNO

--------------------------------------------
Un giorno senza un sorriso è un giorno perso.
Charlie Chaplin!!
--------------------------------------------

Archivi Arcani

--------------------------------------------
Alimenta il nostro blog, commenta i nostri post!
I commenti sono linfa vitale !!
--------------------------------------------



booking
Ultimi argomenti
Ultime Recensioni Libri
wondrous_strange_livingston_fazi_fate



Wishlist : Libri
I libri che voglio acquistare/leggere


Ultime Recensioni Manga



Ultime Recensioni Anime
743b1abd76bc4fbe9b6df5427a0d08fb1459904360_full 75764l


Recensioni Viaggi
PORTOGALLO
portoporto
porto
GRECIA
Santorini

Marche Recensite


Recensioni e-commerce


Recensioni Film Cinema









Terminologia Moderna
OUTFIT: si intende un insieme di abiti e accessori che si indossano, o si potrebbero indossare.
FASHION: In Inglese vuol dire moda.
PACKAGING: Pacchetto, confezione, imballo, imballaggio
BRAND:Marchio o una marca famosa
FINISH: termine che sta letteralmente per “finitura” .
SMOKEY EYE:delineatore per gli occhi.
PRIMER: è un prodotto, solitamente in crema o in gel, che si applica prima del make up.
Terminologia Manga
- Kodomo (target: i bambini)
- Shōnen (target: i ragazzi adolescenti)
- Shōjo (target: le ragazze adolescenti)
- Seinen (target: ragazzi maggiorenni e uomini adulti)
- Josei o Redisu da "ladies" (target: ragazze maggiorenni e donne adulte)
Seguici su facebook
Unisciti alla Community Google+
Votami


Tubes
Regole Arcane


° Prima regola: L'educazione! Poichè questa non è casa vostra siete pregati di non usare un linguaggio scurrile.
° Seconda regola: Non è gradito ne' lo spam ne' il blogwalking
° Terza regola: Non sono graditi ne' blog/siti a scopo di lucro e/o con contenuti pornografici ne' pedopornografici , razzisti o inneggianti a violenza singola o collettiva
° Quarta regola: Se siete qui per spammare o infastidire siete pregati di cambiar aria, poichè i vostri ip sono registrati all'ingresso del blog..
° Quinta regola : Gli scritti (che siano essi pensieri o poesie) e grafica presenti in questo blog, ove non sia specificata una diversa fonte, sono di mio copyright e non sono riproducibili( ne' interamente ne' in parte) senza il mio consenso e senza il mio copyright.
♥♥Grazie!!♥♥
Cosa offre il sito:
Vuoi aprire un sito e non conosci il linguaggio HTML?
Vuoi aprire un blog su blogger o su altervista e non ti piacciono i template di default?
Ti piace il genere Fantasy?
Vuoi pubblicizzare i tuoi lavori (Grafici/ Disegni o Dipinti/ Gioielli/ Decoupage ) e vorresti un sito su misura e non sai da dove iniziare?
Desideri dei WEB GADGETS unici per rendere speciale il tuo angolino nel web?

Sei nel posto giusto, CONTATTAMI!
Qui troverai l'anteprima di tutti i piu' bei prodotti grafici di Fantasylandgraphic - MTgraphic
Copyright


Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia.

Questo template HTML è stato realizzato con un programma di autocomposizione specifico per wordpress e blogger .

Le immagini ed i gadget sono dove apposta la firma di MTgraphic per paternita' intellettuale della rielaborazione grafica.

Le immagini originali, trovate in rete, restano di proprietà degli autori.

"Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001"






Al Chiaro di Luna!















Informativa estesa sui cookie leggi:
QUI
Users on page
Now online: 1
Overall: 39141